Passa ai contenuti principali

Superare i Pensieri Limitanti in 4 Mosse

Obiettivi, sogni e aspirazioni sono quanto di più prezioso per l’essere umano: la prospettiva di poterli realizzare arricchisce e riempie di significato l'esistenza, tuttavia purtroppo spesso ci ritroviamo a fare i conti con i nostri pensieri limitanti.
Capita a tutti di riuscire a raggiungere alcuni dei traguardi prefissati, attraverso sacrifici, una volontà costante e una forte determinazione. Altri, invece, ci sembrano sfide insormontabili e, per quanto lo desideriamo e per quanto impegno ci stiamo mettendo, spesso abbiamo la chiara sensazione che da quel punto di vista la vita opponga una resistenza contro di noi.
E se invece non si trattasse della vita ma dei tuoi pensieri limitanti, che puntualmente entrano in gioco ogni volta che stai cercando di attrarre a te la felicità?
Ognuno di noi ha i propri pensieri limitanti, che bloccano e non permettono di vivere felici e realizzati perché ci impediscono di ottenere ciò che tanto desideriamo.
Spesso diamo la colpa dei nostri mancati obiettivi a persone, circostanze sfavorevoli e rovesci di fortuna, tuttavia questi ultimi possono influire solo fino ad un certo punto.
La sola, vera barriera da abbattere è quella radicata in te: un muro che giorno dopo giorno hai innalzato servendoti delle tue paure, delle tue convinzioni limitanti. Avere una visione distorta di uno o più aspetti della realtà non può che determinare effetti decisamente diversi dalle intenzioni originarie.
Come fai a sapere quali sono gli aspetti e gli ambiti della vita in cui le tue idee sono rimaste cristallizzate in schemi mentali limitanti?
Non è così difficile, basta individuare quei settori della tua vita nei quali fai fatica a realizzarti o non ti senti sereno né felice. Laddove non sei riuscito a raggiungere degli obiettivi, laddove ti senti frustrato, insoddisfatto, bloccato, è lì che hai sviluppato una forma di resistenza psichica.
Per la legge di causa ed effetto, una volta rimossa la causa, l’effetto non ha più ragione di essere. Una volta che superi paure e pensieri limitanti associati ad uno specifico aspetto della tua realtà, automaticamente anche quest’ultimo si sblocca.
Com’è possibile liberarsi dei pensieri mentali limitanti?
1.   Usa le affermazioni positive. Le affermazioni positive, se usate in modo corretto e costante nel tempo, sono un efficace metodo di riprogrammazione. E’ scientificamente dimostrato che un concetto frequentemente ripetuto nel tempo è in grado di influenzare il nostro schema di pensiero, arrivando addirittura a modificarlo. L’affermazione positiva è efficace e dà risultati se ripetendola avvertiamo emozioni piacevoli e positive, perché in tal caso il nostro inconscio la accetterà più facilmente.
2.   Ridefinisci i tuoi obiettivi. Rimetti ogni tanto in discussione i tuoi obiettivi, chiediti se è ciò che desideri veramente e quanto saresti disposto a dare e a fare per vederli concretizzati. Ti servirà a testare il tuo grado di determinazione e ad avere le idee sempre chiare su ciò che vuoi davvero.
3.   Usa la visualizzazione creativa. La visualizzazione creativa è attualmente la più potente tecnica di riprogrammazione mentale in uso. La sua efficacia è data dalla combinazione tra visualizzazione mentale e immedesimazione emozionale. Prenditi qualche minuto di tempo ogni giorno per creare mentalmente una situazione che vorresti vivere e calarti emozionalmente in quella realtà.
4.   Impegnati attivamente per i tuoi propositi. Dedica ogni giorno almeno dieci minuti del tuo tempo ad un’azione che sia in sintonia con ciò che intendi realizzare. Fai qualcosa che fuoriesca dai tuoi schemi ordinari, occupati della tua persona, introduci delle modifiche al tuo ambiente, alla tua casa, al tuo guardaroba, che possano in qualche modo favorire il cambiamento. Aiutati con il disegno, la musica, la scrittura di un diario e la lettura di libri       consoni al tema che ti sta a cuore o confrontati con persone che stanno cercando di raggiungere i tuoi stessi obiettivi; sarà un modo per immergerti gradualmente in quel tipo di realtà che desideri e annullare l'effetto dei tuoi pensieri limitanti, e in tal modo ti avvicinerai decisamente prima al traguardo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quando l'ansia somatizza nella gola

La gola ci permette di parlare: attraverso la voce comunichiamo agli altri il nostro pensiero, esprimiamo i nostri stati d’animo.
Somatizzare l’ansia a livello della gola è un chiaro segno che abbiamo una difficoltà o un blocco nell'esternare agli altri qualcosa di noi stessi.
Le somatizzazioni alla gola sono molto comuni, e si possono manifestare attraverso una sensazione di nodo alla gola, un senso di costrizione, o conati di vomito.
Il nodo alla gola è anche detto bolo isterico. Chi ne soffre, sostiene di avvertire la presenza di un corpo estraneo a livello della faringe, come “qualcosa che non riesce a mandare giù”, e che ostruisce parzialmente la gola.  Di conseguenza, può avere paura di soffocare quando  mangia e beve, o l’impressione che il cibo possa andargli di traverso. Può avere difficoltà nel deglutire o, al contrario, il bisogno di deglutire in continuazione.
Visto in chiave psicosomatica, il nodo alla gola può simboleggiare l’idea, il pensiero o l’emozione che cerca d…

ANSIA: RESPIRO CORTO E RESPIRO "INIBITO"

Vi è mai capitato, se soffrite di ansia, di respirare in modo affannato, come se aveste il fiatone? Di non riuscire a terminare il respiro? Di avere la sensazione di non riuscire mai ad immettere abbastanza aria, e avere paura di soffocare? 
Può succedere in previsione di  una crisi acuta di ansia; ma non sono rari i casi in cui questo disturbo si protrae per giorni, o addirittura per settimane. Una volta esclusa ogni possibile causa di natura organica, e accertato che di sola ansia si tratta, restano comunque il forte disagio fisico, e l’imbarazzo di farsi vedere così da altri.
L’errore che commettiamo, quando siamo alle prese con il respiro corto,  è quello di aumentare l’attivitàinspiratoria, nel tentativo di sopperire alla fame d’aria. Il risultato è una iperventilazione, cioè una respirazione più frequente, ma anche più superficiale, che non determina un maggiore apporto di ossigeno, tutt’altro! La distribuzione di ossigeno agli organi diventa perciò limitata, col conseguente risc…

Ansia: rimedio contro fame d'aria e costrizione alla gola

Vi propongo in questo articolo tre semplici esercizi pratici, che potrete utilizzare al sopraggiungere di una crisi di ansia con sintomi a livello respiratorio.   
Se siete in casa, evitate di stare in posizione seduta o supina. Piuttosto, stendetevi a pancia in giù su di un letto o sul divano. Sotto la vostra persona, all'altezza di testa e torace, posizionate un cuscino verticalmente, in modo da tenervi abbracciati ad esso. Respirate molto lentamente con la pancia: cominciate  con delle respirazioni brevi, e poi sempre più lunghe. Eseguite in questo modo, alternandole, respirazioni col naso, e poi respirazioni a bocca aperta.  
In alternativa, potete mettervi seduti accovacciati, con le natiche appoggiate sui talloni rialzati, i gomiti poggiati sulle cosce e la testa inclinata in avanti. Da questa posizione, respirate a bocca aperta, molto lentamente e a fondo.
Se siete fuori casa, tra la gente, cercate un angolino in cui appartarvi. Respirate molto lentamente con la pancia, non è …