Passa ai contenuti principali

Denaro: Come Attrarre Prosperità Economica

Spesso si crede erroneamente che il denaro, e la situazione finanziaria in generale, abbiano poco o nulla a che vedere con gli altri aspetti della nostra vita; si tende sempre un po’ a pensare “per compartimenti stagni”, cosicché, quando stiamo vivendo delle difficoltà in un determinato ambito (che sia il lavoro o l’aspetto economico) non pensiamo quasi mai all’eventualità che queste possano essere in qualche modo concatenate a situazioni che stiamo attraversando anche negli altri ambiti della vita. Per esempio, abbiamo l‘abitudine di porre il denaro ed i sentimenti ai due poli opposti.

Eppure, anche se potrà sembrarti piuttosto strano, il rapporto che hai con il denaro e la situazione economica che stai vivendo c’entra con l’aspetto affettivo molto più di quanto pensi.

Anzitutto, con il tuo modo di essere grato, di apprezzare e godere di quello che hai. La ricchezza finanziaria non è che un riflesso del tuo modo di vivere e intendere la prosperità, di cui il denaro è soltanto uno dei numerosi aspetti.

Viceversa, grandi quantità di denaro non garantiscono una vita di prosperità, specie se si vive con la paura di perdere i soldi, o comunque si è incapaci di godere del denaro che si possiede. Il flusso di denaro dipende essenzialmente dall’idea che hai di prosperità e da come la vivi.

Rispondi a queste 4 domande per sapere se stai attraendo ricchezza economica:

Sai godere di quello che hai? Sai godere del denaro che hai, o sei costantemente preoccupato per il denaro che ti manca? Qual è il tuo rapporto con il denaro: lo senti come uno strumento grazie al quale puoi appagare bisogni, piaceri, desideri o, al contrario, lo vedi come un nemico e un ostacolo alla tua realizzazione?  I tuoi sentimenti principali relativi al denaro oscillano più verso l’appagamento o verso la frustrazione?

Senti di avere abbastanza tempo per quello che devi fare? La prosperità non è qualcosa che riguarda soltanto il denaro, ma anche il tempo, l’amore, il successo, gli affetti, ecc. Se per esempio credi di non avere mai abbastanza tempo per te stesso, di dover fare sempre tutto di corsa o stai facendo le cose soltanto per dovere e senza goderti il piacere di farle, allora stai vivendo una condizione di “povertà” e assenza di prosperità. L’appagamento in quello che si ha e in quello che si fa è la condizione per attrarre prosperità in tutti i settori della vita

    Senti di meritare ciò che hai, o di essere all’altezza del successo che desideri? Credi che sia al di là della tua portata o, al contrario, sei convinto che sia un tuo diritto? Provi dei sensi di colpa relativi al denaro, per esempio, per averne più di qualcun altro, oppure credi che la tua autostima dipenda da quello?

 Hai delle paure relative al denaro? Hai paura di restare senza, o giudichi negativamente il modo in cui spendi i tuoi soldi?

Per concludere:

Il tuo modo di vivere le relazioni, il tempo, i piaceri della vita, il successo e soprattutto il tuo rapporto con queste cose, determinano la tua condizione di prosperità, di cui il denaro è solo uno degli aspetti. Contrariamente a quanto si crede infatti, non è la quantità di denaro a determinare una condizione di prosperità, quanto piuttosto il piacere e l’appagamento con cui vivi la vita che condiziona, di riflesso, anche la ricchezza economica. La prosperità è, anzitutto, una questione di qualità di vita, e di conseguenza non la si può concepire come qualcosa riguardante esclusivamente l’aspetto economico, (nel senso che si può essere prosperi in denaro ma non nella vita affettiva) ma come un bene che comprende e abbraccia tutto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quando l'ansia somatizza nella gola

La gola ci permette di parlare: attraverso la voce comunichiamo agli altri il nostro pensiero, esprimiamo i nostri stati d’animo.
Somatizzare l’ansia a livello della gola è un chiaro segno che abbiamo una difficoltà o un blocco nell'esternare agli altri qualcosa di noi stessi.
Le somatizzazioni alla gola sono molto comuni, e si possono manifestare attraverso una sensazione di nodo alla gola, un senso di costrizione, o conati di vomito.
Il nodo alla gola è anche detto bolo isterico. Chi ne soffre, sostiene di avvertire la presenza di un corpo estraneo a livello della faringe, come “qualcosa che non riesce a mandare giù”, e che ostruisce parzialmente la gola.  Di conseguenza, può avere paura di soffocare quando  mangia e beve, o l’impressione che il cibo possa andargli di traverso. Può avere difficoltà nel deglutire o, al contrario, il bisogno di deglutire in continuazione.
Visto in chiave psicosomatica, il nodo alla gola può simboleggiare l’idea, il pensiero o l’emozione che cerca d…

ANSIA: RESPIRO CORTO E RESPIRO "INIBITO"

Vi è mai capitato, se soffrite di ansia, di respirare in modo affannato, come se aveste il fiatone? Di non riuscire a terminare il respiro? Di avere la sensazione di non riuscire mai ad immettere abbastanza aria, e avere paura di soffocare
Può succedere in previsione di  una crisi acuta di ansia; ma non sono rari i casi in cui questo disturbo si protrae per giorni, o addirittura per settimane. Una volta esclusa ogni possibile causa di natura organica, e accertato che di sola ansia si tratta, restano comunque il forte disagio fisico, e l’imbarazzo di farsi vedere così da altri.
L’errore che commettiamo, quando siamo alle prese con il respiro corto,  è quello di aumentare l’attivitàinspiratoria, nel tentativo di sopperire alla fame d’aria. Il risultato è una iperventilazione, cioè una respirazione più frequente, ma anche più superficiale, che non determina un maggiore apporto di ossigeno, tutt’altro! La distribuzione di ossigeno agli organi diventa perciò limitata, col conseguente risc…

Ansia: rimedio contro fame d'aria e costrizione alla gola

Vi propongo in questo articolo tre semplici esercizi pratici, che potrete utilizzare al sopraggiungere di una crisi di ansia con sintomi a livello respiratorio.   
Se siete in casa, evitate di stare in posizione seduta o supina. Piuttosto, stendetevi a pancia in giù su di un letto o sul divano. Sotto la vostra persona, all'altezza di testa e torace, posizionate un cuscino verticalmente, in modo da tenervi abbracciati ad esso. Respirate molto lentamente con la pancia: cominciate  con delle respirazioni brevi, e poi sempre più lunghe. Eseguite in questo modo, alternandole, respirazioni col naso, e poi respirazioni a bocca aperta.  
In alternativa, potete mettervi seduti accovacciati, con le natiche appoggiate sui talloni rialzati, i gomiti poggiati sulle cosce e la testa inclinata in avanti. Da questa posizione, respirate a bocca aperta, molto lentamente e a fondo.
Se siete fuori casa, tra la gente, cercate un angolino in cui appartarvi. Respirate molto lentamente con la pancia, non è …