Passa ai contenuti principali

Disagio Emotivo: 3 segnali per capire se ne soffri

Non è più una novità, ormai: assieme all’ondata di progresso scientifico e tecnologico, si sta assistendo ad un periodo di involuzione spirituale, complice anche un cambiamento nel modo di comunicare e interagire col prossimo. In giro si vedono sempre più, e sempre più spesso, persone affette da disagio emotivo: insoddisfatte, tristi, deluse, frustrate o depresse, apparentemente svuotate della loro energia o con lo sguardo perso nel vuoto …

Si può parlare di mal di vivere? In fondo tutti nella vita siamo chiamati ad attraversare l’esperienza del dolore e spesso veniamo messi a dura prova, attraverso lutti, separazioni, abbandoni, malattie, miseria e altre situazioni difficili. In molti di questi casi, il dolore viene elaborato, l’esperienza superata e, grazie alle risorse di recupero interiori, si è di nuovo pronti per tornare a vivere.

Tuttavia, può capitare che qualcosa in questo processo di elaborazione vada storto, e che quindi non si riesca a superare del tutto un trauma emotivo: come conseguenza, si ha una perdita progressiva del gusto per la vita e della voglia di vivere.

Il disagio emotivo non si può definire una vera e propria patologia, ma piuttosto racchiude diverse manifestazioni di un malessere interiore che non andrebbe mai trascurato o sottovalutato, perché col tempo può aggravarsi e, se non curato, portare a serie conseguenze.

Come puoi capire se sei stato colpito da disagio emotivo? Ecco 3 segnali che potrebbero indicarti se stai effettivamente vivendo questa forma di malessere interiore.

Soffri di crisi depressive? Se sei predisposto o stai attraversando un periodo di depressione, qualcosa ha innescato in te un forte rifiuto per la vita. Se poi sei attraversato anche da pensieri di morte, e desiderio di morire, è molto probabile che tu stia soffrendo di mal di vivere.

Hai problemi di dipendenza psicologica, affettiva, o da sostanze (alcol, droghe, psicofarmaci)? I problemi di dipendenza nascondono spesso all’origine una forte rabbia nei confronti di qualcuno che ci ha tradito, o dal quale ci siamo sentiti abbandonati in passato. Qualche volta, i problemi di dipendenza possono essere stati causati anche da sensi di colpa (per esempio, se ti senti responsabili per la morte di una persona cara o per non essere stato in grado di fare nulla per aiutarla)

Soffri di psicosi, manie o paranoia? Può darsi che tu ti sia sentito (o ti senti ancora) rifiutato o comunque non accettato da una persona, da un contesto sociale, familiare e, anziché accettare di affrontare le tue ferite emotive, ti sia chiuso ancora di più nel tuo mondo e ora vedi nemici e minacce in qualunque situazione e occasione di contatto. E, più metti radici in questa tua convinzione, più vai incontro a situazioni che ti fanno sentire non amato, fuori luogo e sul punto di perdere l’amore, l’affetto o la stima di chi ti è accanto.

Per concludere:

I segnali per capire se si sta soffrendo di un forte disagio interiore sono svariati: in questo articolo ti ho proposto 3 condizioni che possono denunciare un disagio profondo, generalmente definito “mal di vivere”. Quest’ultimo è sempre innescato da un forte trauma affettivo che risale ad un episodio del passato, spesso l’infanzia, durante il quale abbiamo avuto una forte paura di essere abbandonati, magari in seguito alla separazione dei genitori o all’allontanamento di uno dei due, oppure abbiamo subìto atti di discriminazione, di violenza, o ancora ci siamo sentiti rifiutati. L’incapacità di rimarginare quella ferita emotiva ha contribuito a sviluppare un disagio emotivo caratterizzato da forti sentimenti di conflitto nei riguardi della vita: paura, rifiuto, rabbia o perdita della gioia di vivere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quando l'ansia somatizza nella gola

La gola ci permette di parlare: attraverso la voce comunichiamo agli altri il nostro pensiero, esprimiamo i nostri stati d’animo.
Somatizzare l’ansia a livello della gola è un chiaro segno che abbiamo una difficoltà o un blocco nell'esternare agli altri qualcosa di noi stessi.
Le somatizzazioni alla gola sono molto comuni, e si possono manifestare attraverso una sensazione di nodo alla gola, un senso di costrizione, o conati di vomito.
Il nodo alla gola è anche detto bolo isterico. Chi ne soffre, sostiene di avvertire la presenza di un corpo estraneo a livello della faringe, come “qualcosa che non riesce a mandare giù”, e che ostruisce parzialmente la gola.  Di conseguenza, può avere paura di soffocare quando  mangia e beve, o l’impressione che il cibo possa andargli di traverso. Può avere difficoltà nel deglutire o, al contrario, il bisogno di deglutire in continuazione.
Visto in chiave psicosomatica, il nodo alla gola può simboleggiare l’idea, il pensiero o l’emozione che cerca d…

ANSIA: RESPIRO CORTO E RESPIRO "INIBITO"

Vi è mai capitato, se soffrite di ansia, di respirare in modo affannato, come se aveste il fiatone? Di non riuscire a terminare il respiro? Di avere la sensazione di non riuscire mai ad immettere abbastanza aria, e avere paura di soffocare
Può succedere in previsione di  una crisi acuta di ansia; ma non sono rari i casi in cui questo disturbo si protrae per giorni, o addirittura per settimane. Una volta esclusa ogni possibile causa di natura organica, e accertato che di sola ansia si tratta, restano comunque il forte disagio fisico, e l’imbarazzo di farsi vedere così da altri.
L’errore che commettiamo, quando siamo alle prese con il respiro corto,  è quello di aumentare l’attivitàinspiratoria, nel tentativo di sopperire alla fame d’aria. Il risultato è una iperventilazione, cioè una respirazione più frequente, ma anche più superficiale, che non determina un maggiore apporto di ossigeno, tutt’altro! La distribuzione di ossigeno agli organi diventa perciò limitata, col conseguente risc…

Ansia: rimedio contro fame d'aria e costrizione alla gola

Vi propongo in questo articolo tre semplici esercizi pratici, che potrete utilizzare al sopraggiungere di una crisi di ansia con sintomi a livello respiratorio.   
Se siete in casa, evitate di stare in posizione seduta o supina. Piuttosto, stendetevi a pancia in giù su di un letto o sul divano. Sotto la vostra persona, all'altezza di testa e torace, posizionate un cuscino verticalmente, in modo da tenervi abbracciati ad esso. Respirate molto lentamente con la pancia: cominciate  con delle respirazioni brevi, e poi sempre più lunghe. Eseguite in questo modo, alternandole, respirazioni col naso, e poi respirazioni a bocca aperta.  
In alternativa, potete mettervi seduti accovacciati, con le natiche appoggiate sui talloni rialzati, i gomiti poggiati sulle cosce e la testa inclinata in avanti. Da questa posizione, respirate a bocca aperta, molto lentamente e a fondo.
Se siete fuori casa, tra la gente, cercate un angolino in cui appartarvi. Respirate molto lentamente con la pancia, non è …