Passa ai contenuti principali

Problemi di Autostima: 8 Segnali Rivelatori

“Nessuno può obbligarvi a sentirvi inferiori, senza il vostro consenso”
(Eleanor Roosevelt)

Senso di inferiorità, auto-svalutazione, sensazione di inadeguatezza … Chi di noi non ha mai avuto, almeno una volta nella propria vita, problemi di autostima?

La società sempre più spesso costringe a confrontarsi con modelli di perfezione, di bellezza estetica, di auto-realizzazione sempre più accattivanti, se vogliamo … ma sempre più svuotati dell’aspetto umano e ben lontani dal promuovere l’autenticità e l’unicità del singolo. Si punta sull’apparenza  più che sulla reale essenza della persona, che è di natura spirituale: ecco perché capita sempre più spesso di ricercare la propria sicurezza interiore in riferimenti esterni, e di identificarsi nei modelli proposti e negli oggetti che possediamo o che vorremmo possedere.

Tutto questo può essere anche “normale”, se vissuto entro un certo limite. Tuttavia, quando ti accorgi che il senso di inferiorità sta mettendo radici più profonde, insinuando in te la convinzione di valere poco, di non essere all’altezza e arrivando a compromettere la qualità della tua stessa vita, forse è il caso che tu faccia qualche passo indietro.

I problemi di autostima possono rivelarsi una vera e propria arma puntata contro, un cancro che divora e distrugge col tempo tutto ciò che di bello puoi avere o desiderare: il tuo potenziale, i tuoi talenti, sogni, relazioni, e ogni possibilità di realizzare il tuo compito di vita.

Questi 8 segnali ti rivelano se soffri di problemi di autostima:


  1. Vivi in un perenne stato di insicurezza: sei ossessionato dal pensiero di fare la cosa sbagliata, o nutri continui dubbi riguardo il tuo valore come persona, come professionista, come genitore, come moglie, marito, figlio, amico …
  2. Ti senti deluso dall’immagine che percepisci di te stesso, sei deluso per quello che vorresti essere e non sei
  3. Ti senti incapace di intraprendere azioni e decisioni perché paralizzato dalla paura del rifiuto o delle critiche, da quello che gli altri possono pensare di te
  4. Qualunque tua scelta è condizionata dalla paura: del confronto con gli altri, di rischiare, di avere la peggio in una competizione, di perdere
  5. Preferisci l’inazione al metterti in gioco
  6. Ti senti inferiore e incapace in situazioni che richiedono un’interazione, un confronto, un esporre te stesso, le tue idee, le tue emozioni
  7. Tendi a rinchiuderti in te stesso
  8. Ricerchi costantemente approvazione all’esterno

Effetti della poca stima di sé nella vita quotidiana:

Quando hai uno scarso concetto di te stesso, le percezioni che ti arrivano dalla realtà condizionano la tua capacità di osservare e valutare obiettivamente le situazioni: di conseguenza, cambiano le conclusioni a cui giungi.

Ecco quali sono le conseguenze delle tue valutazioni, se soffri di bassa autostima:

  • La paura dell’insuccesso ti induce ad una mancata espressione delle tue risorse personali, del tuo potenziale umano e delle tue reali capacità, perché ti blocca alla non azione, confinandoti ad una vita e ad un lavoro molto al di sotto delle tue potenzialità
  • Nessuno viene al mondo per puro caso: Tutti abbiamo un ruolo ed un compito in questa vita, e portare a termine questo compito è ciò che dà significato all’esistenza di ciascuno. La percezione errata di te stesso ed il senso di inferiorità uccide i tuoi sogni, le tue aspirazioni e quello che sei chiamato a fare in questa missione di vita. Le occasioni restano perdute e le opportunità sprecate, e questo principalmente perché tu per primo fai fatica a credere in ciò che puoi fare
  • La paura di non essere accettato ti porta all’isolamento, pregiudicando la qualità delle tue relazioni. L’incapacità di piacere a te stesso ti rende egoista e fondamentalmente incapace di apprezzare il buono che c’è negli altri. Ciò ti porta, col tempo, ad essere eccessivamente esigente con chi ti è accanto, caricandolo della responsabilità di farti sentire all’altezza, quando tu per primo sei convinto dell’opposto.

Per concludere:

Può capitare a tutti di vivere momenti di insicurezza, o provare sensazioni di inadeguatezza quando si è nel bel mezzo di determinate circostanze e situazioni. Tuttavia, i complessi di inferiorità possono diventare uno stile di vita, e l’incapacità di amarsi può diventare convinzione di valere poco; è allora che i problemi di autostima iniziano a diventare una vera e propria forma di auto-distruzione, che con il tempo guasta i rapporti, distrugge sogni ed aspirazioni e paralizza talenti e potenzialità, abituando la persona a credere di non avere gli strumenti adatti per vivere una vita all’altezza delle proprie aspettative.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quando l'ansia somatizza nella gola

La gola ci permette di parlare: attraverso la voce comunichiamo agli altri il nostro pensiero, esprimiamo i nostri stati d’animo.
Somatizzare l’ansia a livello della gola è un chiaro segno che abbiamo una difficoltà o un blocco nell'esternare agli altri qualcosa di noi stessi.
Le somatizzazioni alla gola sono molto comuni, e si possono manifestare attraverso una sensazione di nodo alla gola, un senso di costrizione, o conati di vomito.
Il nodo alla gola è anche detto bolo isterico. Chi ne soffre, sostiene di avvertire la presenza di un corpo estraneo a livello della faringe, come “qualcosa che non riesce a mandare giù”, e che ostruisce parzialmente la gola.  Di conseguenza, può avere paura di soffocare quando  mangia e beve, o l’impressione che il cibo possa andargli di traverso. Può avere difficoltà nel deglutire o, al contrario, il bisogno di deglutire in continuazione.
Visto in chiave psicosomatica, il nodo alla gola può simboleggiare l’idea, il pensiero o l’emozione che cerca d…

ANSIA: RESPIRO CORTO E RESPIRO "INIBITO"

Vi è mai capitato, se soffrite di ansia, di respirare in modo affannato, come se aveste il fiatone? Di non riuscire a terminare il respiro? Di avere la sensazione di non riuscire mai ad immettere abbastanza aria, e avere paura di soffocare
Può succedere in previsione di  una crisi acuta di ansia; ma non sono rari i casi in cui questo disturbo si protrae per giorni, o addirittura per settimane. Una volta esclusa ogni possibile causa di natura organica, e accertato che di sola ansia si tratta, restano comunque il forte disagio fisico, e l’imbarazzo di farsi vedere così da altri.
L’errore che commettiamo, quando siamo alle prese con il respiro corto,  è quello di aumentare l’attivitàinspiratoria, nel tentativo di sopperire alla fame d’aria. Il risultato è una iperventilazione, cioè una respirazione più frequente, ma anche più superficiale, che non determina un maggiore apporto di ossigeno, tutt’altro! La distribuzione di ossigeno agli organi diventa perciò limitata, col conseguente risc…

Ansia: rimedio contro fame d'aria e costrizione alla gola

Vi propongo in questo articolo tre semplici esercizi pratici, che potrete utilizzare al sopraggiungere di una crisi di ansia con sintomi a livello respiratorio.   
Se siete in casa, evitate di stare in posizione seduta o supina. Piuttosto, stendetevi a pancia in giù su di un letto o sul divano. Sotto la vostra persona, all'altezza di testa e torace, posizionate un cuscino verticalmente, in modo da tenervi abbracciati ad esso. Respirate molto lentamente con la pancia: cominciate  con delle respirazioni brevi, e poi sempre più lunghe. Eseguite in questo modo, alternandole, respirazioni col naso, e poi respirazioni a bocca aperta.  
In alternativa, potete mettervi seduti accovacciati, con le natiche appoggiate sui talloni rialzati, i gomiti poggiati sulle cosce e la testa inclinata in avanti. Da questa posizione, respirate a bocca aperta, molto lentamente e a fondo.
Se siete fuori casa, tra la gente, cercate un angolino in cui appartarvi. Respirate molto lentamente con la pancia, non è …