Passa ai contenuti principali

Il Disegno Creativo



Le forme d’arte nascono come bisogno di rappresentare una realtà, sia essa oggettiva o racchiusa dentro l’animo umano. Il disegno creativo permette di esprimere e rendere visibile ciò che è intangibile e invisibile all'occhio umano, l’essenza interiore.

 Tra le varie forme artistiche di espressione, il disegno rappresenta forse una delle più antiche nella storia della civiltà umana, ed è sicuramente una tra le prime forme di comunicazione del bambino.

Disegnare significa essenzialmente trasporre in forma grafica una propria personale interpretazione della realtà, esteriorizzarla e renderla concreta. E anche quando ci limitassimo a riportare su carta una copia  del mondo oggettivo, stiamo pur sempre esternando qualcosa che nasce nella nostra mente.

 Si disegna per hobby, per professione, per necessità di esprimere il proprio talento, di dar voce al proprio essere … che si tratti di una storia a fumetti, o di un progetto architettonico o della piantina della casa dei nostri sogni.

Tuttavia, il disegno creativo non è solo attività artistica o di svago, ma può essere anche impiegato come terapia.

L’essere umano ricorre da sempre a simboli ed immagini per comunicare problemi e desideri interiori, e dare voce alle emozioni. Un bambino che abbia subìto traumi o vissuto esperienze difficili da elaborare, o un adulto che non riesca ad esprimere verbalmente un disagio, possono comunicare la loro emotività attraverso il disegno e in tal modo dare voce a traumi e paure.

Quando reprimiamo le emozioni, il nostro corpo è in costante tensione, e l’energia vitale non è più libera di fluire ma si blocca, accumulandosi  in determinate zone del corpo e dando luogo a somatizzazioni.

Se, al contrario, proiettiamo la nostra emotività all'esterno, per esempio cercando di raffigurare il nostro disagio, dandogli un’immagine e una forma e quindi rendendolo in un certo senso “fisico”, questo ci apparirà tangibile e di conseguenza non più così difficile da affrontare e risolvere.

 Come per il bambino, anche l’adulto può utilizzare il disegno per risolvere paure e conflitti interiori, comprese varie forme di ansia. E’, già questa, una forma di visualizzazione attraverso disegno.

 Disegnare richiede immaginazione, creatività, memoria visiva. E allo stesso tempo l’attività del disegno mantiene vive queste caratteristiche. Per poter rappresentare bene qualcosa, è necessario averne in mente un’immagine nitida e dettagliata. In poche parole, è necessario visualizzare ciò che si intende rappresentare.

 Come può il disegno essere utilizzato come metodo di visualizzazione?

Quando si visualizza, si carica l’immagine mentale di un’emozione forte e poi la si lascia andare, ovvero la si proietta nella dimensione spazio-tempo.

Allo stesso modo, quando disegniamo trasferiamo l’immagine mentale al di fuori di noi (la fissiamo su foglio), la rendiamo in qualche modo reale, visibile, e se questa immagine era particolarmente vivida nella nostra mente, non ci riesce particolarmente difficile imprimerla di quelle stesse emozioni che proveremmo se la vivessimo nel contesto reale.

Perché essa esiste comunque nella nostra mente come immagine dinamica, e rappresentandola graficamente noi la catturiamo in un preciso momento, come se ne bloccassimo una sequenza e la fissassimo nello spazio e nel tempo, insieme alla carica emotiva di cui l’abbiamo impressa.

Una visualizzazione attraverso disegno avviene in tre passaggi:

–       creazione dell’immagine mentale

–       Impressione emotiva

–       Trasposizione nella realtà e fissazione dell’immagine nella dimensione spazio-tempo

Ecco un esempio pratico di visualizzazione tramite disegno:


  • Considera una situazione che vorresti si realizzasse, e focalizza la tua mente su una scena in particolare. Non è necessario che tu immagini l’intera scena in tutti i suoi dettagli, è sufficiente che tu riesca a visualizzare l’essenziale: se per esempio ti immagini nella casa dei tuoi sogni, ti visualizzerai in una stanza precisa, o in un determinato angolo di quella casa; se invece stai immaginando l’auto dei tuoi sogni, ti visualizzerai mentre sei seduto al posto di guida, e le tue mani impugnano il volante. Cerca di cogliere ogni dettaglio della tua scena: i disegni della tappezzeria, le zone di luce e di ombra, i particolari di un mobile. Quanto più riuscirai a rendere questa immagine reale nella tua mente, tanto più ti sembrerà di esserci dentro, e di provare le stesse sensazioni che proveresti se stessi vivendo davvero in quel contesto.
  • Libera queste emozioni, esprimile nel contesto immaginato e lascia che si imprimano nella tua memoria sensoriale.
  • Puoi ora passare alla rappresentazione grafica della tua immagine. Se hai eseguito bene i passi precedenti, è molto probabile che durante la realizzazione del tuo disegno le emozioni provate riemergano e mantengano quella stessa intensità. E di seguito, ogni volta che osserverai il tuo disegno concluso, quelle emozioni automaticamente riaffioreranno.

Puoi decidere poi di attaccare il tuo disegno creativo ad una parete della tua stanza, o dell’ufficio, o in un punto in cui tu lo possa osservare spesso. Ogni volta che ti capiterà di rivolgere lo sguardo, ti ricorderai del tuo sogno e del fatto che lo hai già materializzato, e che si tratta solo di aspettare che al momento opportuno questo sia anche tangibile nella dimensione spazio – temporale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quando l'ansia somatizza nella gola

La gola ci permette di parlare: attraverso la voce comunichiamo agli altri il nostro pensiero, esprimiamo i nostri stati d’animo.
Somatizzare l’ansia a livello della gola è un chiaro segno che abbiamo una difficoltà o un blocco nell'esternare agli altri qualcosa di noi stessi.
Le somatizzazioni alla gola sono molto comuni, e si possono manifestare attraverso una sensazione di nodo alla gola, un senso di costrizione, o conati di vomito.
Il nodo alla gola è anche detto bolo isterico. Chi ne soffre, sostiene di avvertire la presenza di un corpo estraneo a livello della faringe, come “qualcosa che non riesce a mandare giù”, e che ostruisce parzialmente la gola.  Di conseguenza, può avere paura di soffocare quando  mangia e beve, o l’impressione che il cibo possa andargli di traverso. Può avere difficoltà nel deglutire o, al contrario, il bisogno di deglutire in continuazione.
Visto in chiave psicosomatica, il nodo alla gola può simboleggiare l’idea, il pensiero o l’emozione che cerca d…

ANSIA: RESPIRO CORTO E RESPIRO "INIBITO"

Vi è mai capitato, se soffrite di ansia, di respirare in modo affannato, come se aveste il fiatone? Di non riuscire a terminare il respiro? Di avere la sensazione di non riuscire mai ad immettere abbastanza aria, e avere paura di soffocare? 
Può succedere in previsione di  una crisi acuta di ansia; ma non sono rari i casi in cui questo disturbo si protrae per giorni, o addirittura per settimane. Una volta esclusa ogni possibile causa di natura organica, e accertato che di sola ansia si tratta, restano comunque il forte disagio fisico, e l’imbarazzo di farsi vedere così da altri.
L’errore che commettiamo, quando siamo alle prese con il respiro corto,  è quello di aumentare l’attivitàinspiratoria, nel tentativo di sopperire alla fame d’aria. Il risultato è una iperventilazione, cioè una respirazione più frequente, ma anche più superficiale, che non determina un maggiore apporto di ossigeno, tutt’altro! La distribuzione di ossigeno agli organi diventa perciò limitata, col conseguente risc…

Ansia: rimedio contro fame d'aria e costrizione alla gola

Vi propongo in questo articolo tre semplici esercizi pratici, che potrete utilizzare al sopraggiungere di una crisi di ansia con sintomi a livello respiratorio.   
Se siete in casa, evitate di stare in posizione seduta o supina. Piuttosto, stendetevi a pancia in giù su di un letto o sul divano. Sotto la vostra persona, all'altezza di testa e torace, posizionate un cuscino verticalmente, in modo da tenervi abbracciati ad esso. Respirate molto lentamente con la pancia: cominciate  con delle respirazioni brevi, e poi sempre più lunghe. Eseguite in questo modo, alternandole, respirazioni col naso, e poi respirazioni a bocca aperta.  
In alternativa, potete mettervi seduti accovacciati, con le natiche appoggiate sui talloni rialzati, i gomiti poggiati sulle cosce e la testa inclinata in avanti. Da questa posizione, respirate a bocca aperta, molto lentamente e a fondo.
Se siete fuori casa, tra la gente, cercate un angolino in cui appartarvi. Respirate molto lentamente con la pancia, non è …