Passa ai contenuti principali

Visualizzare con la Scrittura

Se anche tu, come me, ami scrivere e spesso trovi più facile esternare emozioni e pensieri “nero su bianco” piuttosto che a voce, ciò che leggerai in questo articolo fa sicuramente al caso tuo: ti sto per rivelare qualche piccolo segreto su come utilizzare la scrittura per esprimere al massimo il tuo potere di creazione intenzionale, e sintonizzare il tuo polo attrattivo sul “canale energetico” di un’esperienza che desideri attrarre nella tua realtà.

Ti propongo qui di seguito 3 tecniche di visualizzazione creativa che ho personalmente sperimentato, e che ho trovato tutte molto efficaci. Nel mio caso, delle 3 mi sono trovata ad utilizzare più spesso la seconda poiché, a mio parere, mi permette di esprimermi al meglio e di lasciarmi andare senza che la mente giudicante prenda il sopravvento. Tuttavia, tutte e tre le tecniche mi hanno permesso di ottenere dei risultati e, a tal proposito, ti suggerirei di scegliere sempre in base ai tuoi gusti soggettivi e alle tue attitudini personali.

La lista ideale

Ho sperimentato questa strategia in passato: ero alla ricerca di un partner che soddisfacesse determinati requisiti e devo dire che, a suo tempo, aveva anche funzionato alla grande! Te la consiglio dunque se sei alla ricerca di un compagno e hai le idee abbastanza chiare sul tipo di uomo che vorresti incontrare. Tutto quello che ti serve è una penna ed un foglietto volante, sul quale scriverai un elenco di tutti gli attributi che il tuo partner ideale deve avere:tratti somatici e caratteristiche fisiche (colore degli occhi e dei capelli, altezza, e così via), hobby, lavoro, interessi, insomma più dettagli aggiungi, meglio è. Conserverai poi questo foglio in un posto sicuro, per esempio tra le pagine della tua agenda personale, in modo che tu possa anche portarlo con te e aggiungere, in un secondo momento, eventuali altre caratteristiche che via via ti verranno in mente.

 La sceneggiatura “stregata”

Puoi usare questa tecnica se sei in attesa di un evento: un incontro di lavoro, un appuntamento romantico, o una qualunque altra esperienza o situazione che si verificherà prossimamente nella tua vita, o che desideri “invitare” nella tua realtà. Immagina di essere un regista o uno sceneggiatore, e descrivi attentamente la scena dell’evento in questione, proprio come se la stessi osservando dall’esterno. Descrivi nel dettaglio le azioni dei protagonisti, e tutte le battute che si scambieranno. Descrivi tutto esattamente come desideri che si svolga.

Ricordati di considerarlo come un gioco, è importante che tu non lo prenda troppo sul serio, per evitare che la mente razionale inizi ad interferire avanzando i soliti dubbi, reticenze, “se” e “ma”. Più ti diverti e ti lasci andare, meno resistenze opporrà la tua mente critica.

Puoi anche immaginare che il quaderno, o il file in cui scriverai le tue sceneggiature, sia dotato di speciali poteri, in grado di far avverare nel breve termine ogni cosa che deciderai di annotarvi.

Mi è capitato di utilizzare più volte questa tecnica e devo dire che, se pure alcune cose si sono poi avverate a distanza di qualche mese, ero rimasta particolarmente colpita dal fatto che alcune frasi dette, o dettagli di altro genere, coincidevano in modo straordinario con quelli presenti nella mia sceneggiatura!

Il diario della positività

Tieni un diario personale in cui scriverai, giorno per giorno, tutto ciò che ti piacerebbe vivere in quella giornata, e come vorresti che si svolgesse. Esprimi anche tutta la tua gioia, la tua soddisfazione e gratitudine per i doni ricevuti e  per i risultati ottenuti. Lo scriverai al passato, come fai solitamente quando riporti eventi e fatti appena trascorsi (es: oggi ho incontrato quella persona, il capo si è congratulato con me, ho avuto finalmente l’aumento di stipendio che aspettavo da tempo …).

Questo al di là di come andrà la giornata. Immagina che nel frattempo, nella dimensione delle idee, tutto questo è già realtà e si sta verificando esattamente nel modo in cui vorresti.

Quello del diario è un ottimo esercizio per sviluppare la positività e allineare il proprio polo attrattivo trasformando, giorno per giorno, la propria percezione della realtà.

Per concludere

 Ecco quali sono i requisiti da tenere sempre presente quando si pratica una qualsiasi strategia di visualizzazione:


  • Metti a fuoco l’obiettivo: sarai più specifico, chiaro e dettagliato nel sapere ciò che vuoi.
  • Abbandona ogni resistenza: se lasci andare ogni forma di ansia o spirito critico, e la vivi come un gioco, ti divertirai e sarà meno probabile che la tua attenzione si sposti su pensieri di dubbio o scetticismo.
  • Divertiti: l’energia scorrerà più velocemente, avvertirai con la pratica un sempre maggiore coinvolgimento emotivo e, constatando nel tempo i risultati, ti sentirai sempre più come un direttore artistico dietro la regia del set della tua vita!

Pronto, dunque, a tirar fuori dal cassetto la lista dei sogni e a riscrivere il copione della tua felicità?

Commenti

Post popolari in questo blog

Quando l'ansia somatizza nella gola

La gola ci permette di parlare: attraverso la voce comunichiamo agli altri il nostro pensiero, esprimiamo i nostri stati d’animo.
Somatizzare l’ansia a livello della gola è un chiaro segno che abbiamo una difficoltà o un blocco nell'esternare agli altri qualcosa di noi stessi.
Le somatizzazioni alla gola sono molto comuni, e si possono manifestare attraverso una sensazione di nodo alla gola, un senso di costrizione, o conati di vomito.
Il nodo alla gola è anche detto bolo isterico. Chi ne soffre, sostiene di avvertire la presenza di un corpo estraneo a livello della faringe, come “qualcosa che non riesce a mandare giù”, e che ostruisce parzialmente la gola.  Di conseguenza, può avere paura di soffocare quando  mangia e beve, o l’impressione che il cibo possa andargli di traverso. Può avere difficoltà nel deglutire o, al contrario, il bisogno di deglutire in continuazione.
Visto in chiave psicosomatica, il nodo alla gola può simboleggiare l’idea, il pensiero o l’emozione che cerca d…

ANSIA: RESPIRO CORTO E RESPIRO "INIBITO"

Vi è mai capitato, se soffrite di ansia, di respirare in modo affannato, come se aveste il fiatone? Di non riuscire a terminare il respiro? Di avere la sensazione di non riuscire mai ad immettere abbastanza aria, e avere paura di soffocare
Può succedere in previsione di  una crisi acuta di ansia; ma non sono rari i casi in cui questo disturbo si protrae per giorni, o addirittura per settimane. Una volta esclusa ogni possibile causa di natura organica, e accertato che di sola ansia si tratta, restano comunque il forte disagio fisico, e l’imbarazzo di farsi vedere così da altri.
L’errore che commettiamo, quando siamo alle prese con il respiro corto,  è quello di aumentare l’attivitàinspiratoria, nel tentativo di sopperire alla fame d’aria. Il risultato è una iperventilazione, cioè una respirazione più frequente, ma anche più superficiale, che non determina un maggiore apporto di ossigeno, tutt’altro! La distribuzione di ossigeno agli organi diventa perciò limitata, col conseguente risc…

Come Difendersi dalle Energie Negative in 3 Mosse

“Vi dirò il mio segreto per liberare la mente dai pensieri negativi. Quando un tale pensiero entra nella mia mente, lo visualizzo come se fosse scritto su un pezzo di carta. Quindi gli do mentalmente fuoco e lo visualizzo mentre brucia fino a diventare cenere. Il pensiero negativo è distrutto, e non entrerà più.” 

(Bruce Lee)

Quando si vive o si lavora a stretto contatto con le persone, non ci si scambiano solo rapporti o informazioni, si scambia anche energia. Gli scambi di energia sono il fattore responsabile dei cambiamenti improvvisi di umore, ansia, inspiegabili timori o cali di entusiasmo. Segno, questo, che hai assorbito energie negative dall’ambiente circostante. Difendersi è importante, dal momento che l’emotività è la prima a risentirne, tuttavia il contatto ripetuto e continuativo con la fonte di negatività, a lungo andare può incidere anche sulla salute.

Se, poi, sei una persona particolarmente predisposta alla sensitività, all’ascolto degli altri e al contatto empatico, a…